Il RePIM muove dal convincimento che nella composizione vocale profana dei secoli XVI-XVII la componente poetica ha un’importanza strutturale ed artistica pari a quella del discorso musicale, ai fini della comprensione storica e critica dell’opera d’arte. Com’è noto le fonti musicali di musica profana non dichiarano – salvo rari casi – la paternità del testo letterario intonato; pertanto l’identità del poeta va ricercata collazionando con le fonti musicali la copiosa messe di raccolte di rime coeve, manoscritte e a stampa. Il RePIM scaturisce da questa elementare necessità scientifica: identificare il maggior numero possibile di autori di scritture poetiche utilizzate dai musicisti nella produzione vocale profana e spirituale dei secoli XVI-XVII attraverso lo spoglio sistematico dei libri di poesia.

Il RePIM è lo sviluppo, in forma di banca dati, dell’incipitario della poesia italiana musicata, concepito alla fine degli anni ’70 da Lorenzo Bianconi e realizzato in forma cartacea negli anni ’80 dal medesimo in collaborazione con Angelo Pompilio e Antonio Vassalli. A partire dal 1990 Angelo Pompilio ha approntato una versione informatizzata dell’archivio e ciò ha comportato la revisione integrale e capillare del materiale raccolto negli anni ’70-’80 circa le fonti poetiche, nonché la revisione dei dati descrittivi relativi alle fonti musicali.

Il lavoro di revisione, anche se a buon punto (cfr. la Nota tecnica), non è ancora ultimato. Questa condizione di incompleta affidabilità dei dati presenti in archivio ha finora suggerito una certa cautela nel rendere pubblica la consultazione dell’archivio. Tuttavia, anche in questa sua forma ‘imperfetta’, il RePIM è risultato in questi anni uno strumento di grande utilità per gli studiosi del madrigale italiano del Cinque-Seicento che vi hanno potuto accedere, e in più occasioni la comunità scientifica ha sollecitato che venga consentita la consultazione pubblica dell’archivio, nonostante la sua incompletezza. La pagina Web qui realizzata – in una veste molto semplice – va intesa come un primo tentativo di mettere a disposizione della comunità scientifica l’archivio, limitatamente ai dati essenziali per una ricerca sul repertorio della poesia in musica: incipit (versi 1 e 2), compositore, poeta.

Repertorio della Poesia Italiana in Musica, 1500-1700
a cura di Angelo Pompilio
RePIM
Nota tecnica Avvertenze Enti finanziatori Collaboratori
ATTENZIONE: Sito in fase sperimentale, alcune aree o funzionalità potrebbero essere non accessibili o perfettamente funzionanti.
Vi preghiamo di leggere le avvertenze e di segnalarci eventuali malfunzionamenti.